Brooklyn Bridge: 10 curiosità sul ponte più famoso d’America

Brooklyn Bridge: 10 curiosità sul ponte più famoso d’America

Brooklyn Bridge: 10 curiosità sul ponte più famoso di New York, che è diventato anche un simbolo degli Stati Uniti d’America.

LEGGI ANCHE: Hot Dog: l’origine del piatto più iconico dell’America

Brooklyn Bridge: 10 curiosità sul ponte più famoso d’America

Boss Tweed ha aiutato a far partire il progetto

William M. “Boss” Tweed, il famigerato capo corrotto della macchina politica Tammany Hall di New York, divenne uno dei principali detentori di azioni e si unì a un comitato incaricato di gestire le finanze del progetto. Tweed aveva sperato di guadagnare denaro dai contratti per i ponti della città, ma fu arrestato nel 1871 prima che potesse realizzare pienamente il suo piano.

Almeno 20 persone sono morte durante la costruzione del Brooklyn Bridge

La prima fatalità avvenne nel 1869 prima ancora che la costruzione fosse iniziata. John A. Roebling, che ha progettato il ponte, si trovò con il piede schiacciato tra alcuni piloni e una barca. Gli furono amputate le dita dei piedi e poche settimane dopo morì di tetano. Altri lavoratori sono caduti dalle torri alte 276 piedi o sono stati colpiti dalla caduta di detriti.

Era di gran lunga il ponte sospeso più lungo del mondo

Il ponte di Brooklyn, con una campata principale di poco più di 1.595 piedi, è stato di gran lunga il ponte sospeso più lungo del mondo fino al 1903, quando il vicino Williamsburg Bridge lo superò di 4,5 piedi.

Il ponte è stato inaugurato con una grande celebrazione

Enormi folle si radunarono il 24 maggio 1883 per assistere alla cerimonia di apertura del ponte. I festeggiamenti includevano anche uno spettacolo pirotecnico della durata di un’ora, ricevimenti e una serie di discorsi. Poco prima di mezzanotte il ponte è stato aperto al pubblico e più di 150.000 persone si sono riversate nelle successive 24 ore.

Quasi immediatamente accadde una tragedia

Una settimana dopo l’apertura, nel Memorial Day, circa 20.000 persone erano sul ponte quando iniziò il panico, presumibilmente a causa di una voce che diceva che il ponte stava per crollare. Dodici persone sono state schiacciate a morte su una scala stretta e altre sono emerse insanguinate e in alcuni casi senza vestiti.

Il pedaggio del ponte era più alto allora di quanto non lo sia adesso

Quando il ponte di Brooklyn è stato aperto per la prima volta, attraversarlo a piedi costava un penny, 5 centesimi per un cavallo e un cavaliere e 10 centesimi per un cavallo e un carro. Il pedaggio pedonale fu abrogato nel 1891 e quelli stradali nel 1911. Il ponte di Brooklyn e altri tre ponti che allo stesso modo attraversano l’East River sono rimasti gratuiti, anche se gli altri principali ponti e tunnel di New York sono diventati costantemente più costosi.

A quel tempo, il ponte collegava due diverse città

Brooklyn non entrò a far parte di New York City fino al 1898. Prima della fusione, era la quarta città più popolosa del paese, dietro solo a New York, Chicago e Filadelfia.

Il Brooklyn Bridge ha ispirato molti artisti

Il ponte di Brooklyn ha probabilmente ispirato più arte di qualsiasi altra struttura artificiale negli Stati Uniti. Georgia O’Keeffe, Andy Warhol e dozzine di altri noti pittori l’hanno incorporato nelle loro opere. Lo stesso vale per fotografi, documentaristi, drammaturghi, romanzieri, poeti e musicisti.

Il Brooklyn Bridge ha sempre attratto temerari e uomini di spettacolo

L’intrattenitore del circo PT Barnum portò 21 elefanti sul ponte nel maggio 1884 per dimostrare che era sicuro. L’anno successivo, Robert E. Odlum, un istruttore di nuoto di Washington, DC, è diventato il primo a tuffarsi nell’East River sottostante. Morì, ma un certo numero di saltatori successivi sopravvissero.

I falchi pellegrini vi nidificano sopra

Sorprendentemente, gli uccelli hanno iniziato presto a prosperare a New York City, dove nidificano su ponti, campanili di chiese e grattacieli. Oggi, circa 16 coppie di pellegrini vivono nella Grande Mela e il ponte di Brooklyn è diventato uno dei loro siti di nidificazione regolari.

I diritti della foto appartengono a The Art Of Travelling ©

Lascia un commento